Dopo l'evento in Canada, il thriller di Mike J. Pilla finalmente "a casa"
GOODBYE IRPINIA, LA PRIMA
IL 13 AGOSTO A MONTAGUTO
Presentazione ufficiale del romanzo che racconta della frana del 2010

Finalmente "Goodbye Irpinia" arriva "a casa". Dopo il grande successo ottenuto sabato 4 maggio a "Librissimi - Festival del libro italiano a Toronto", in Canada, il primo Paper novel al mondo sarà presentato a Montaguto martedì 13 agosto alle ore 18.00.
Il romanzo di Mike J. Pilla, edito da Bibliotheka Edizioni, è il primo "Paper Novel al mondo", e sarà in libreria dal 12 settembre e racconta della frana di Montaguto, la più vasta d’Europa, che nel 2010 causò l’interruzione della tratta ferroviaria Roma-Lecce.
Nell'ottobre 2018 la frana è tornata a muoversi e l’allarme si è fatto nuovamente rosso. L'evento sarà presentato dal sindaco di Montaguto Marcello Zecchino e patrocinato dal Comune, con la partecipazione di giornalisti e istituzioni.

 


 
CANADA Grande successo a "Librissimi - Fiera del libro italiano a Toronto"
 
» L'ENORME FRANA

Il "mostro di terra" avanza sulla ss90
e verso la ferrovia

sa
.

Mentre a Montaguto paese oltre duecento persone erano impegnate nelle ricerche del piccolo Andrea Fiorito, venti persone continuano a lottare con tutte le loro forze sulla SS90 delle Puglie, allo scalo di Montaguto, per rallentare l’avanzata della terribile frana.
  g
.
LA NOVITÀ Che cos'è un Paper novel:
opera a metà tra giornalismo e fiction
.

La storia è supportata da pagine di giornale create ad hoc

g

LA CURIOSITÀ Dall'Italia all'America,
tra Toronto, New York e... Argentina
.

Alla scoperta della vasta comunità di irpini all'estero

g

MULTIMEDIA Foto, video e servizi tg
Ecco le "immagini" del romanzo
.

Presente anche una ricca rassegna stampa internazionale
 
» PAESANI LONTANI

Il legame con il dialetto e con gli irpini
in tutto il mondo

fd
.

"Goodbye Irpinia" rappresenta una vera e propria dichiarazione d'amore a Montaguto, il piccolo paese irpino di cui Mike J. Pilla è originario, e che rappresenta lla culla d'infanzia di tantissimi paesani sparsi per il mondo, a cui l'autore dedica ampia parte della storia.